Questo sito utilizza cookies. Se continui la navigazione, ne acconsenti l'uso, ma puoi cambiare le tue preferenze sui cookies in qualsiasi momento.

SOMMINISTRAZIONE A TEMPO DETERMINATO

Somministrazione a tempo det IMG

Definizione:

Il D.lgs 81/2015 definisce la somministrazione di lavoro come “il contratto, a tempo indeterminato o determinato, con il quale un’agenzia di somministrazione autorizzata, ai sensi del decreto legislativo n. 276 del 2003, mette a disposizione di un utilizzatore uno o più lavoratori suoi dipendenti, i quali, per tutta la durata della missione, svolgono la propria attività nell’interesse e sotto la direzione e il controllo dell’utilizzatore.” ( Art. 30 D.lgs 81/2015).

Un rapporto triangolare:

La somministrazione di lavoro coinvolge tre soggetti (agenzie, lavoratori, impresa utilizzatrice), legati da due diverse forme contrattuali:

  • il contratto di somministrazione stipulato tra utilizzatore e somministratore che ha natura commerciale e può essere a tempo determinato o a tempo indeterminato;
  • il contratto di lavoro stipulato tra somministratore e lavoratore che può essere a tempo determinato o a tempo indeterminato.


 temp schema web nuovo

Vantaggi della somministrazione:

  • Flessibilità contrattuale
  • Possibilità di definire soluzioni customizzate per le esigenze dell’azienda cliente
  • Riduzione e massimizzazione dei tempi di selezione ed inserimento del candidato
  • Riduzione dei costi di ricerca e selezione
  • Monitoraggio e certezza dei costi del personale
  • Esonero da oneri e vincoli giuridici e amministrativi (buste paga, comunicazioni di assunzione e cessazione, modelli previdenziali ecc…)
  • Nessun costo amministrativo diretto
  • Non computabilità in organico
  • Direzione e controllo in capo all’utilizzatore
  • Possibilità di valutare il candidato con maggiore flessibilità Parità di trattamento retributivo e contributivo rispetto ai dipendenti diretti dell’azienda
  • Periodo di affiancamento sia prima che dopo per esigenze sostitutive.


Principali novità apportate dal Decreto Dignità (d.l. 87/2018)

  • Limite massimo di 24 mesi;
  • Limite massimo di 6 proroghe (per la sola somministrazione) sul singolo contratto;
  • Causale per i contratti con durata superiore ai 12 mesi;
  • Causale a partire dal primo rinnovo;
  • Termine d’impugnazione verso l’utilizzatore di 60 giorni;
  • Costo aggiuntivo dello 0,5% in occasione di ogni rinnovo.
  • No stop & go
  • Possibilità di superare i limiti % attingendo dalle categorie svantaggiate o molto svantaggiate (d.m. 17/10/2017)
     

 

Ricerchi personale?

Hays Digital Solutions