5 cose che motivano i tuoi dipendenti più dei soldi

5 cose che motivano i tuoi dipendenti più dei soldi

Se chiedessi ai tuoi dipendenti di lavorare gratuitamente, è probabile che molti rifiuterebbero la proposta. Ma a parte dirci ciò che già sappiamo - vale a dire che il denaro è importante per “mettere il cibo in tavola” – questo non ci dice quanto realmente i soldi siano un fattore motivante, una volta che i nostri bisogni base sono soddisfatti.

Nel corso degli anni ci sono stati molti studi sull'argomento e la conclusione a cui tutti sono arrivati è che, per la maggior parte di noi, il denaro rappresenta un “motivatore” della nostra carriera piuttosto che esserne il motore principale.

Sono i fattori che stimolano le nostre intrinseche ambizioni che ci motivano veramente, come una maggiore autonomia, l'acquisizione di nuove competenze, la capacità di esprimerci - e tutti gli altri aspetti di seguito illustrati.

Non puoi acquistare la lealtà

In Giappone è noto che i lavoratori rimangono particolarmente fedeli ai propri datori di lavoro. Non è raro che un professionista rimanga nella stessa azienda per tutta la sua vita - un fenomeno comunemente descritto come "shushin koyo" o "lavoro a vita". Tuttavia questo atteggiamento è sempre più raro ormai. Con l'aumentare della mobilità globale, le aziende non possono fare affidamento solo sull'idea astratta della lealtà e dovranno cercare altri elementi per trattenere i migliori profili.

Naturalmente ci sono ancora molte persone che considerano la retribuzione come il principale mezzo di motivazione, ma se vogliamo essere completamente onesti con noi stessi, dobbiamo affermare che essa può solo motivarci un po’ di più. Quanto ti sentiresti motivato a guadagnare uno stipendio a sei cifre lavorando ogni giorno in un ambiente che ti sta portando allo sfinimento o in un ufficio fatiscente, circondato da persone che non ti apprezzano, riportando ad un manager che non investe tempo o non pronuncia apprezzamenti su di te? Il denaro non è tutto.

Con questo concetto bene in mente, ecco altri cinque modi in cui puoi far felici i tuoi dipendenti:

1. Apprendimento e sviluppo

Migliorando le competenze dei tuoi dipendenti, stai dimostrando loro sia che contano molto per l'azienda, sia che c'è spazio per una crescita all'interno del loro ruolo. Cosa c'è di più motivante di essere incoraggiati e supportati per diventare una versione migliore di se stessi?

Consiglio di condurre una valutazione delle competenze prima di decidere quale formazione organizzare per ciascun dipendente. Il dipendente apprezzerà e sarà maggiormente motivato da un piano di training ragionevole e ben ponderato per lui. Non devi preoccuparti se la tua azienda / dipartimento non ha budget per l'apprendimento e lo sviluppo - molti non lo fanno - ci potrebbero essere molti eventi di networking e conferenze gratuiti ai quali i tuoi dipendenti possono partecipare, devi solo guardarti intorno.

Una delle maggiori sfide che la pubblicazione Hays Global Skills Index ha identificato è stata la carenza di talenti in molti settori chiave in tutto il mondo. In molti ambiti, infatti, esiste un divario significativo tra le competenze necessarie ai datori di lavoro e quelle realmente disponibili sul mercato. Pertanto, non è solo a vantaggio del dipendente che dovresti investire nello sviluppo delle loro competenze, ma anche nel tuo, in quello della tua azienda e persino verso quello del mercato in cui operi.

2. Un chiaro percorso di crescita professionale

Tuttavia, non è sufficiente far partecipare i propri dipendenti ai corsi di formazione. Ciò che è stato dimostrato essere ancora più motivante per la maggior parte dei professionisti è sapere dell’esistenza di diversi step di carriera raggiungibili all'interno della propria azienda. Un sorprendente risultato che emerge da un Rapporto sulla diversità di genere globale di Hays è stato che solo il 42% delle donne e il 58% degli uomini percepiscono l'opportunità di crescere professionalmente e di comunicare le proprie ambizioni. Allo stesso modo, più della metà delle persone che abbiamo intervistato ha dichiarato il voler affrontare nuove sfide come uno dei motivi principali per cambiare azienda, mentre quasi la stessa percentuale ha indicato un mancanza di carriera come motivo di lasciarla.

Tutti questi problemi possono essere risolti abbastanza facilmente, studiando chiaramente un piano di crescita professionale per i dipendenti. Assicurati di avere regolarmente (almeno due volte l'anno) incontri durante i quali discuti le ambizioni dei dipendenti e le loro prospettive di promozione all'interno dell'azienda. Se in quel momento le loro aspirazioni non possono essere realizzate (a causa della mancanza di risorse finanziarie o di posizioni aperte disponibili), è possibile ad esempio dare a quel dipendente maggiore autonomia, e questo potrebbe essere un compromesso soddisfacente.

Il riconoscimento dell’impegno ricompensato con opportunità più grandi, sia che si tratti di una promozione all'interno dello stesso dipartimento, in un'altra area aziendale o lavorare in un nuovo ruolo in un altro Paese, alimenterà la motivazione del professionista.

3. Riconoscimento

I dipendenti devono essere ricompensati in egual modo per i risultati raggiunti. Tuttavia, puoi fare molto di più del semplice premio economico, dando una pacca sulla spalla in più ogni tanto.

Il riconoscimento si presenta sotto diverse forme e dipende in gran parte da te e dalle tue capacità di gestire le persone. Alcuni dipendenti potrebbero trovare gratificazione in un riconoscimento formale di fronte ad altri colleghi, come un certificato o un pranzo di gruppo, mentre altri preferirebbero ricevere elogi e apprezzamenti da te in privata sede. Quel che è certo è che tutti siamo entusiasti di essere ricompensati per un lavoro ben fatto.

4. Autonomia e responsabilità

È importante che i tuoi dipendenti che ruolo occupino all'interno dell’azienda e che si sentano un ingranaggio vitale di essa: puoi aiutare ad aumentare questo senso di appartenenza dando loro compiti e responsabilità più significativi. Maggiore è l'impatto che un dipendente ha sul tuo business, maggiore è la probabilità che si senta collegato all'azienda e che quindi faccia combaciare il successo dell'azienda con il proprio.

I dipendenti dovrebbero anche sentirsi come se avessero modo e possibilità di esprimere le proprie opinioni e idee, ove necessario, senza paura di essere ignorati o giudicati. Accetta feedback del tuo team quando è possibile e trasmetti la sensazione che le loro opinioni contano per te e per il business intero.

È anche importante che il tuo team sia autorizzato ad esprimersi all'interno del proprio lavoro e che non sia costretto ad operare solamente in un modo restrittivo, che tu o l'azienda ha loro imposto. Ad esempio, alcune aziende come Sweaty Betty e Microsoft applicano una politica di "orario flessibile", in cui consentono ai propri dipendenti di scegliere l’orario di lavoro.

5. Ambiente di lavoro

L'equilibrio tra lavoro e vita privata è un fattore motivante che rientra un po’ in questo e nel precedente paragrafo. Tale bilanciamento è importante e può essere di grande aiuto grazie a maggiore autonomia o flessibilità, ma non è solo migliorando la parte relativa alla vita privata che aumenta il benessere di una persona. Esistono molti modi in cui puoi rendere più piacevole l'ambiente di lavoro per i dipendenti, il che gioverà notevolmente al loro equilibrio tra lavoro e vita privata e quindi alla loro soddisfazione, produttività e motivazione complessiva.

Sono prevedibili condizioni di lavoro più salubri, come un'adeguata ventilazione, illuminazione e pulizia (e sono di nuovo qualcosa che classificheremmo come "fattori di igiene"): molte aziende hanno migliorato notevolmente il loro ambiente di lavoro e lo considerano un vero fattore di differenziazione, quando si tratta di attrarre clienti.

Creare un posto di lavoro in cui le persone si divertano e si sentano ispirate è un altro modo per mantenere alto il morale, anche se ciò non significa investire il budget per l'assunzione di decoratori d’interni o per l'acquisto di una macchina per caffè espresso più costosa. Perché non provi a chiedere al tuo team di darti suggerimenti su come migliorare l'ambiente di lavoro, concordare una lista dei desideri e quindi agire almeno su alcuni di queste modifiche tangibili, quando ad esempio viene raggiunto un obiettivo specifico?

Il senso di amicizia e appartenenza è anch’essa una sottocategoria di "ambiente di lavoro" che funge da antidoto più potente contro l'assenteismo e i conflitti all'interno del luogo di lavoro. Le attività di team building possono aiutare a rafforzare la fiducia, il rispetto, e, in definitiva, la motivazione.

Motiva prima che sia troppo tardi

Coltivando i migliori e più brillanti professionisti, dando loro le competenze necessarie per progredire nella propria carriera, le aziende possono mantenere i sorrisi sui volti dei dipendenti, evitando al contempo una fuga di talenti che potrebbe significare gravi difficoltà negli anni successivi.