Questo sito utilizza cookies. Se continui la navigazione, ne acconsenti l'uso, ma puoi cambiare le tue preferenze sui cookies in qualsiasi momento.

Come scrivere un CV senza errori


img 2

Sappiamo tutti che ricercare un nuovo lavoro può essere molto faticoso e a volte richiedere molto tempo. E’ un momento che prevede impegno, concentrazione e massima attenzione anche ai piccoli dettagli – ad esempio controllando e ricontrollando ogni parola inserita nella candidatura, per evitare errori grammaticali, di sintassi o di struttura. Non fare attenzione a questa fase ed inviare un CV pieno di errori può comportare che il selezionatore non prenda in considerazione la tua candidatura, indipendentemente da quanto potresti essere qualificato per la posizione in questione.

Questo scenario può essere cambiato e la buona notizia è che ci sono 4 semplici suggerimenti da seguire per migliorare la tua candidatura, anche perché, è da ammettere, che a volte i dettagli non sono per nulla tenuti in considerazione.

Ecco di seguito i più comuni errori che abbiamo riscontrato all’interno dei CV nel corso della nostra pluriennale esperienza di selezionatori:

1. Errori di grammatica e di scrittura

Questo è uno degli errori più gravi. Con tutta la tecnologia che abbiamo a disposizione oggi credo che non siano più accettabili. Prima di inviare il tuo CV e la tua lettera di presentazione, dovresti:
- Utilizzare lo strumento del controllo grammaticale sul tuo computer
- Stampare il CV o la lettera di presentazione, così potrai più facilmente rileggerli a scovare errori
- Leggere il CV a voce alta, così da scoprire ulteriori imprecisioni
- Leggere il CV al contrario, potrà sembrare assurdo, ma questo è un modo molto utile per individuare errori
- Chiedere ad un amico o ad un parente di rileggere il CV per te
- Può anche essere utile modificare il tipo di carattere o colore con cui hai impostato il CV, per aiutati a vedere il documento sotto una luce meno familiare, evidenziando errori e imprecisioni. Ricordati però di ripristinare il carattere originale, prima di inviare la candidatura.

2. Mancanza di coerenza

Assicurati che tutte le parti del CV siano coerenti. Ecco come:
- Attenzione a come utilizzi abbreviazioni e lettere maiuscole. In base alla nostra esperienza, c’è sempre spazio per questo tipo di errori, perché spesso si utilizzano vocaboli in modo improprio, come per la descrizione dei ruoli, i nomi delle aziende o i corsi di formazione sostenuti. Ad esempio, è sbagliato scrivere in maiuscolo il ruolo ricoperto nella parte sbagliata del documento, o utilizzare abbreviazioni per descrivere la propria azienda la prima volta e non successivamente.
- Utilizzare sempre lo stesso tipo e grandezza di carattere per tutto il documento – lo stesso vale per maiuscole, grassetto e corsivi
- Non passare dallo scrivere in prima persona alla terza, e viceversa. Scrivere sempre in prima persona
- Assicurati di mantenere un tono di scrittura professionale. Non utilizzare mai quello informale

3. La candidatura è malamente impostata

L’impostazione di un documento è spesso una delle prime cose che un selezionatore nota. Ecco come rendere la tua perfetta agli occhi di chi la leggerà:
- Tieni sempre il selezionatore in mente: il documento deve esser semplice da leggere, evita paragrafi molto lunghi ed evidenza le informazioni più importanti utilizzando i punti elenco
- Evita di inserire fotografie o immagini varie nel tuo CV: non solo perché non sono necessari, ma possono rendere poco professionale l’impostazione, e magari non essere visualizzabili dal supporto informatico che sta utilizzando la persona che lo legge.
- Scrivilo in modo semplice, evita la tentazione di utilizzare sfondi, bordi o clipart
- Se utilizzi Word, approfitta dello strumento zoom per avere una visione d’insieme del documento
- Stampa il CV per verificare errori di impaginazione – in questo modo ti accorgerai subito di eventuali imprecisioni grafiche
- Se il tuo CV è composto da più fogli, assicurati che cambiare pagina sia semplice. Ad esempio, evita di iniziare una lista con punti elenco a fine della prima, per poi concluderla in quella successiva
- Una volta che sei soddisfatto del tuo CV, prova a trasformarlo in PDF, che ti permette di visualizzare come sarà la formattazione finale del documento

4. Il documento non è scorrevole

Questo aspetto è particolarmente importante se una email e/o una lettera di presentazione sono parte della tua candidatura. Prendi tempo per controllare che:
- Il testo nella sua interezza è scorrevole?
- Quello che hai scritto può avere un senso per chi legge?
- Leggilo ad alta voce per avere una idea del senso e scoprire eventuali errori. Leggere ad alta voce ti aiuterà a scovare eventuali ripetizioni di parole nella stessa frase o paragrafo
- Leggere il testo ad un amico o ad un parente può essere utile per verificare se il messaggio arriva in modo chiaro e corretto alla persona che lo riceverà

Per concludere, prenditi il tempo necessario per ripercorrere tutti e quattro i punti sopra elencati, prima di inviare la tua candidatura. In questo modo farai intendere al selezionatore che sei una persona precisa e diligente, aumentando le possibilità di essere preso in considerazione per un colloquio.

 

Link utili