Questo sito utilizza cookies. Se continui la navigazione, ne acconsenti l'uso, ma puoi cambiare le tue preferenze sui cookies in qualsiasi momento.

Il colloquio è andato male? Ecco cosa devi fare ora.

www

Sai bene che puoi dare il massimo in un colloquio di lavoro, ma questa volta non è andata così. Nonostante una tua attenta preparazione, ti senti di non aver fatto quella buona impressione che volevi. Eri nervoso e a disagio, sei andato in confusione quando hai dovuto rispondere alle domande, e hai faticato ad instaurare una buona sinergia con il selezionatore aziendale.


Può sembrare quindi che tutti i tuoi sforzi siano andati sprecati e un colloquio andato male può sicuramente minare la fiducia che hai in te stesso. Ma stai tranquillo, non tutto è perduto.

Certo, c'è sempre la possibilità che il colloquio non sia andato poi così male come pensavi. Ma anche se invece lo fosse, potresti provare a utilizzare questa situazione a tuo vantaggio, traendone il meglio, seguendo questi consigli:

Scrivi un resoconto onesto di come pensi sia andato il colloquio

Prima di tutto, sono sicura che la tua testa si riempirà di preoccupazioni per capire dove esattamente pensi di aver sbagliato. Anche se questo potrebbe non sembrare il compito più piacevole al momento, prova a scrivere un resoconto onesto di questo brutto colloquio mentre è ancora fresco nella tua mente - dall'inizio alla fine. Ciò ti permetterà di mettere in chiaro i tuoi tanti pensieri e sentimenti a riguardo, in modo da poter ricordare meglio come effettivamente sia andato.

Che errori hai fatto?

Ora che hai scritto tutto, sarà più facile individuare quali errori hai commesso durante il colloquio. Prova a rispondere alla suddetta domanda onestamente. Ad esempio, hai dimenticato di preparare le domande da porre alla fine? Hai divagato troppo con una delle tue risposte? Hai accidentalmente parlato negativamente del tuo ultimo datore di lavoro?

Cerca di comprendere anche il motivo per cui pensi di aver commesso questi errori. Ad esempio, potresti aver dimenticato di preparare domande per il selezionatore perché eri troppo preoccupato di ciò che ti avrebbero chiesto. Oppure, potresti aver parlato negativamente del tuo ultimo datore di lavoro perché sei stato colto di sorpresa da una domanda che ti chiedeva perché vuoi lasciare la tua attuale azienda. Qualunque cosa fosse, identifica il perché si siano verificati quegli errori, in modo da poterli evitare la prossima volta.

Il selezionatore poteva mostrarsi più accogliente?

È fondamentale che tu faccia la distinzione tra i tuoi errori e ciò che il selezionatore avrebbe potuto fare e non ha fatto - dopotutto anche loro sono esseri umani. Egli potrebbe essersi posto inconsapevolmente in modo ostile nei tuoi confronti, ad esempio ponendoti domande in rapida successione senza sorridere o commentare le tue risposte. O forse il suo linguaggio del corpo è stato troppo riservato, il che ti ha fatto innervosire e perdere la concentrazione. In futuro potresti nuovamente trovarti a colloquio con persone dal comportamento non proprio ideale. Pertanto vale la pena imparare oggi come affrontare questi tipi di incontri e non lasciarsi turbare eccessivamente da questa esperienza.

Ora che hai un ricordo più chiaro del colloquio, ti consiglierei di prendere il telefono e contattare il tuo Recruiter. Potrebbe essere già in attesa della tua chiamata, per avere una tua impressione su come sia andata, e ti consiglio di chiamarlo il giorno stesso.

Dai un feedback equilibrato e professionale al tuo Recruiter

Quando parli con il tuo Recruiter, vale la pena dire fin dall'inizio che sei consapevole che il colloquio non sia andato bene come avresti voluto. E’ importante che tu sia onesto, ma senza utilizzare espressioni o frasi troppo negative, che possano in qualche modo far emergere un’immagine distorta della tua professionalità. Assicurati di evidenziare anche ciò che da questa esperienza hai imparato. Ad esempio, invece di dire:

"Questo è stato una brutto colloquio. Ho completamente sbagliato una delle mie risposte. Non mi aspettavo quella domanda, quindi ho parlato in modo confuso e senza senso logico".

Potresti dire qualcosa del tipo:

"Una delle domande mi ha colto di sorpresa. Non mi è mai stata chiesta questa cosa in un colloquio prima d’ora e mi sono sentito un po’ spiazzato. La prossima volta farò alcuni respiri profondi e forse chiederò un paio di secondi per pensare alla mia risposta."

Se poi vuoi fare qualche osservazione circa il comportamento del selezionatore, ancora una volta è fondamentale evitare il linguaggio negativo e cercare di mantenerne uno equilibrato e professionale.

Ad esempio, invece di dire:

"Il comportamento del selezionatore è stato troppo distaccato. Mi ha fatto domande affrettate senza cercare di costruire una conversazione attraverso le mie risposte ".

Potresti dire qualcosa del tipo:

"Nonostante avesse un comportamento molto professionale e strutturato nella sua tecnica di colloquio, aveva la tendenza a porre tutte le domande in rapida successione senza molte pause intermedie. Perciò ho faticato un po’ per costruire una conversazione".

Penso poi anche che valga la pena dire al tuo Recruiter che apprezzeresti davvero un'altra possibilità di incontrare il selezionatore aziendale e dimostrare la tua idoneità a quel ruolo (se ciò è qualcosa che sei disposto a fare). Questo dimostrerà iniziativa e determinazione da parte tua. Il Recruiter deciderà se proporre questa idea al cliente e te lo farà sapere.

Ascolta il feedback del tuo Recruiter

Quando ti confronti con il tuo Recruiter, ascolta quello che ha da dire. Vanta certamente molta esperienza nel consigliare i candidati in merito ai colloqui e nella raccolta di feedback da parte delle aziende clienti, e quindi sarà certamente in grado di fornirti qualche consiglio utile.

Il Recruiter potrebbe anche aver ricevuto al contempo un feedback dall’azienda in questione, quindi ricordati di ascoltare attentamente. Se il selezionatore ha evidenziato alcuni tuoi errori, che magari non avevi considerato, non farti prendere dal panico. Lascia che il Recruiter comprenda le reali motivazioni per cui pensi di averli commessi e come li potrai evitare in futuro. Ciò dimostrerà onestà e maturità da parte tua. Ricordati di prendere nota del feedback e di non essere troppo duro con te stesso. Nessuno si aspetta che tu sia perfetto e alcuni dei tuoi punti di forza potrebbero aver prevalso su un paio di errori non intenzionali.

Mantieni la calma e continua a cercare lavoro

Ora arriva il periodo di limbo tra l’attesa del feedback finale del colloquio sostenuto e le fasi successive. Questo può essere un momento emotivamente stressante ed è importante mantenere la calma e la positività, evitando alcune mosse errate.

In primo luogo, non contattare direttamente il selezionatore aziendale e non collegarti ad uno dei suoi profili social - questo a volte può essere percepito come un comportamento invasivo e presuntuoso. Invece, invia una email di ringraziamento all’azienda tramite il tuo Recruiter. Non esagerare nel sottolineare i punti in cui pensi di aver sbagliato o nello scusarti. Piuttosto sottolinea il tuo interesse per il ruolo in questione e ringraziali per il tempo che ti hanno dedicato. Lascia che tutto il resto lo faccia il Recruiter.

Poi, non rinunciare alla ricerca di un lavoro mentre aspetti il feedback. Prenditi un po’ di tempo per ricaricarti dopo quel brutto colloquio. Rilassati, trascorri del tempo con la famiglia e gli amici, che possono darti quella spinta giusta per riprendere a continuare a cercare nuove opportunità di carriera.

Come ho detto prima, una brutta esperienza di colloquio non dovrebbe destabilizzare troppo la fiducia in te stesso.

Scenario migliore: il selezionatore aziendale comprenderà i tuoi errori e vedrà che in generale le tue competenze e capacità superano di molto la performance non perfetta. Scenario peggiore: non si ottiene il lavoro, allora si può considerare questa come un'opportunità per perfezionare la tecnica di colloquio per la prossima volta.

Cerca di imparare da questa esperienza e ricorda tutto ciò che hai ancora da offrire a un datore di lavoro: vedrai che le tue performance davanti ad un selezionatore saranno sempre più apprezzate da questo momento in poi.
 


Fonte: Hays Viewpoint
 

Link utili