Questo sito utilizza cookies. Se continui la navigazione, ne acconsenti l'uso, ma puoi cambiare le tue preferenze sui cookies in qualsiasi momento.

COME TROVARE EQUILIBRIO TRA LAVORO E VITA PRIVATA

work life balance

Certamente trovare l’equilibrio perfetto tra lavoro e vita privata non è semplice, ma è una cosa estremante importante per la maggior parte di noi. Infatti una delle motivazioni principali per cui alcuni professionisti permangono per anni nella medesima azienda è anche la possibilità di veder soddisfatta questa loro esigenza.

E’ ormai dimostrato che chi riesce a bilanciare lavoro e vita privata si ritenga più soddisfatto della propria situazione professionale ed anche più felice. Si ha la percezione di avere pieno controllo della propria vita, in quanto si possono fare delle scelte ogni giorno piuttosto che essere costretti a sacrificare parte di esse. Ci si sente anche meno stressati e, quindi, il risultato è una salute migliore, sia mentale sia fisica.

Perciò se ti trovi sotto pressione o in un periodo particolarmente sovraccarico di impegni in agenda, ci sono alcuni cambiamenti che puoi apportare alla tua giornata per bilanciare meglio questi due ambiti della tua vita.

Gestisci il tempo e datti delle priorità

Per prima cosa, guarda il modo in cui lavori ora e cerca di capire quale potrebbe essere il compromesso più adatto a te. In secondo luogo, rifletti: riesci a gestire il tuo carico di lavoro nelle normali ore di lavoro? Oppure potresti raggiungere gli stessi risultati, gestendo meglio il tempo e dandoti delle priorità?

Considera l’opzione “lavoro flessibile”

Ci sono diverse possibilità derivanti dal cosiddetto “smart working” che oggi molte aziende mettono in pratica e che potrebbero esserti utili. Ad esempio alcune soluzioni come il telelavoro, lavorare da casa o presso un altro ufficio in un’altra città.

Tuttavia bisogna dire che, sebbene lavorare da casa comporti numerosi benefici e riduca i tempi del tragitto casa-lavoro, non sempre è una cosa adatta a tutte le occupazioni. Ci sono infatti alcuni lavori che richiedono un’interazione con le persone, la presenza fisica in un ufficio o la sensibilità delle informazioni trattate comporta che non sia una soluzione facilmente applicabile.

Rimanere motivato, poi, è un’altra grande sfida per coloro che lavorano da casa. E’ facile infatti incorrere in distrazioni derivanti dagli oggetti intorno o dalle interruzioni di familiari. Bisogna avere una disciplina molto ferrea per strutturare la giornata lavorativa da casa e stabilire una routine efficace. Questa soluzione, inoltre, potrebbe risultare per alcuni professionisti come molto isolante e generare in loro un senso di solitudine.

Se, quindi, il lavoro da casa non sembra essere la soluzione più adatta per le tue esigenze, potresti optare per un lavoro con orario flessibile. Questo ti permetterebbe di organizzarti in modo più efficiente, evitando gli orari di punta, aumentando la produttività e riducendo le ore perse nella giornata.

Ridurre le ore, compattare le settimane lavorative, orario part-time o job sharing sono altre opzioni che puoi valutare, qualora ti trovassi a dover affrontare una situazione di difficoltà o se una situazione esterna all’ambito lavorativo ti dovesse portare a dover richiedere una riduzione dell’orario di lavoro.

Per concludere, posso dire che non c’è una soluzione che vada bene per tutti, poiché l’equilibrio tra vita privata e lavoro è esso stesso un parametro percepito in modo diverso da ciascuno di noi. Tuttavia alcune politiche aziendali di lavoro flessibile potrebbero certamente migliorare la tua condizione: perciò puoi da subito informarti su quali possibilità offra la tua azienda a riguardo.


Fonte: Hays Viewpoint
Autore: Christine Wright, Managing Director, Asia at Hays

 

Link utili